Per modificare questa pagina devi aver effettuato il login.
Accedi oppure Registrati


I dati riportati in questa pagina sono poco attendibili!
Per indicizzare questo articolo abbiamo utilizzato uno strumento OCR, soggetto per sua natura ad errori di interpretazione.
Per favore, controlla l'immagine scansionata oppure riporta una correzione
La legge di Keplero non descrive la realtà


Clicca l'immagine per vedere la scansione in pdf
Scarica

Numero Nexus #2
Pagine 44-45
Data di uscita ottobre-novembre
Anno 1995
Autore Peter Bros
Fonte dal capitolo 7 del libro di Peter Bros, At the Gates of the Citadel, FBP, 6529 Elder Ave, Springfield, VA 22150 USA;
tel: +1 (703) 971 9141, fax: +1 (703) 971 1628

Indice


La Legge di Keplero dice che i pianeti muovono in orbite ellittiche, con il Sole ad un fuoco dell'ellisse, così che una linea che colleghi il Sole e un pianeta percorre aree uguali nello stesso tempo.
Un'ellisse è un centro conico, simmetrico rispetto ad un punto centrale, così che l'asse maggiore passante attraverso il punto focale taglia in due l'ellisse, rendendo uguali le aree di entrambi i lati dell'ellisse bisecata. Il perielio e l'afelio sono i punti più vicini e più lontani dal Sole, il fuoco, il cui asse maggiore viene intersecato dall'orbita della terra.
Applicando la legge di Keplero all'orbita della terra, questi punti sono fissati ai primi di Gennaio e in Luglio. Comunque, il tempo che serve alla Terra per spostarsi tra questi due punti astronomici, da Gennaio a Luglio, è di 72 ore minore del tempo necessario per spostarsi da Luglio a Gennaio, percorrendo aree uguali in tempi diversi. Così, applicando la legge di Keplero per determinare il perielio e l'apelio della terra, si contraddice la legge stessa!
Il perielio e l'apelio coincidono attualmente all'incirca con i solstizi d'inverno e d'estate, essendo l'angolo stesso dell'inclinazione terrestre, inclinato meno di un grado dalla direzione del movimento del sole, dando così una differenza di tempo di circa 30 ore in meno.

Come calcolare la velocità del sole

Il fatto che la terra impiega più tempo a muoversi tra il solstizio d'estate (Giugno) e quello d'inverno (Dicembre) che a muoversi tra il solstizio d'inverno e quello d'estate, dimostra che il sole si muove verso il solstizio d'inverno. Questi tempi possono essere ricavati da un almanacco per agricoltori. Comunque, possiamo notare che utilizzando per il calcolo il perielio e l'afelio astronomici (gennaio e luglio ), assumendo di applicare la legge di Keplero per l'orbita terrestre, avremo un eccesso della velocità del sole di circa l'80 per cento.
Con il sole che si muove verso il solstizio d'inverno, D1, la distanza che la terra attraversa tra i solstizi d'inverno e d'estate e più corta di D2, la distanza che la terra attraversa tra i solstizi d'estate e d'inverno. Poiché la velocità della terra è uguale in entrambi i periodi, D1 diviso per il tempo necessario a muoversi dal solstizio d'inverno a quello d'estate è uguale a D2 diviso per il tempo che necessita a muoversi tra il solstizio d'estate a quello d'inverno. D1 e D2 possono essere espressi in termini di V, la velocità del sole.
D1 è uguale alla distanza dell'orbita terrestre bisecata (pi*D/2), meno il tempo necessario alla terra per muoversi tra i solstizi d'inverno e d'estate, moltiplicati per V.
D2 è uguale alla distanza dell'orbita terreste bisecata, più il tempo necessario alla terra per muoversi tra i solstizi d'estate e d'inverno, moltiplicati per V. Sostituire questi valori per D1 e D2 risolve l'equazione per V, la velocità del sole.
Il movimento del sole giustifica la precessione dell'equinozio invernale, spiegato dalla scienza corrente come un dondolio, cosi come la scoperta inspiegata di Tycho Brahe che la luna si muove più veloce d'estate che d'inverno. Non è che si muova più velocemente; è che si muove a velocità costante sulla minore distanza tra i solstizi d'inverno e d'estate e sulla maggiore distanza tra i solstizi d'estate e d'inverno.
Il movimento del sole è quello che dà all'orbita planetaria l'apparenza di essere un'ellisse, essendo l'effettiva traiettoria terrestre una spirale a meno dell'1% dal piano del movimento del sistema solare.
Dato che il sole trascina i pianeti attraverso lo spazio, le forze storiche non sono sufficienti a spiegare l'orbitamento. Poiché Newton basò la sua prova della legge del quadrato inverso sulle forze storiche che producono la legge di Keplero, dovremmo ripensare perché gli oggetti cadono.