Per modificare questa pagina devi aver effettuato il login.
Accedi oppure Registrati



I beni australiani finiscono sotto il martello

Numero Nexus #3
Pagina 7
Data di uscita gennaio-febbraio
Anno 1996
Fonte The Sun-Herald, 3 Settembre 1995


Nelle ultime sei settimane, 10,4 miliardi di AUD$ di proprietà australiane sono state tranquillamente vendute a interessi stranieri, con pochissimi cenni da pane dei media! Le svendite includono:

  • il 25% della Qantas alla British Airways, più un altro 27% a investitori stranieri in una recente fluttuazione di 1,45 miliardi di AUD$;
  • le operazioni alimentari della Pacific Dunlop alla Svizzera e agli Stati Uniti per 1,06 miliardi di AUD$;
  • una delle maggiori compagnie distributrici di elettricità dello stato di Vittoria per 1,85 miliardi di AUD$;
  • la seconda compagnia australiana di assicurazioni sulla vita, National Mutual, al gruppo francese AXA per 1,6 miliardi di AUD$;
  • la BTR Nylex (costruzioni e materiali plastici) ai britannici per un record di 4,5 AUD$;
  • più un pacchetto di proprietà commerciali e residenziali.

Il Dipartimento Australiano di Statistica Rifiuta di pubblicare le cifre ufficiali del livello di investimenti stranieri nei differenti settori industriali, ma una ricerca dell'Associazione Australiana dei Consumatori illustra quanto segue: Alimentari, proprietà straniere 85%; Birra, 50%; Costruzioni automobilistiche, 98%; Ingegneria e costruzioni, 67%; Pubblicità, 80%; Alberghiero, 90%; Stampa, 60%.
L'acquisto di proprietà australiane da parte di stranieri include ogni proprietà che le compagnie posseggono sotto la bandiera della loro corporazione.
Giusto per fare un esempio, con la vendita della National Mutual, la compagnia francese AXA ha acquisito il controllo delle più grandi attività di allevamento pecore d'Australia - essendo la National Mutual considerata il più grande produttore di lana, come pure detentrice di enormi interessi nel cotone, nel grano e nelle carni. Ciò significa che la produzione della lana australiana, ora, è in effetti nelle mani degli allevatori degli Champs Elysées.
Per molti potrebbe essere una sorpresa sapere che il Dipartimento Australiano di Statistica piazza gli Stati Uniti al primo posto degli investitori stranieri, con 85,2 miliardi di AUD$, seguiti da Gran Bretagna con 74,5 miliardi di AUD$, Giappone con 48,9 miliardi di AUD$ e Hong Kong con 14,4 miliardi di AUD$.