Per modificare questa pagina devi aver effettuato il login.
Accedi oppure Registrati



L'Europa paga per lasciare marcire il cibo

Numero Nexus #3
Pagine 8-9
Data di uscita gennaio-febbraio
Anno 1996
Fonte The Daily Telegraph [UK], 7 Agosto 1995


Quasi tre milioni di tonnellate di frutta ed ortaggi, comprendente quasi un milione di tonnellate di mele, sono stati distrutti nel 19993, ad un costo di 439 milioni di sterline, sotto la Comune Politica Agricola dell'Unione Europea.
Anche più di 720.000 tonnellate di arance e 165.000 di pesche noci furono sottratte al mercato da coltivatori pagati da Bruxelles per distruggere la loro stessa produzione.
I soli contribuenti britannici hanno pagato 57 milioni di sterline per coprire i costi della distruzione di frutta e vegetali di quasi ogni tipo coltivato in Europa. Erano tutti adatti al consumo umano.
Avete qui uno schema per mezzo del quale i contribuenti europei stanno finanziando una macchinazione che mantiene artificialmente alti i prezzi di frutta ed ortaggi, distruggendo produzione perfettamente buona.
La frutta viene distrutta seppellendola nel terreno per farla macerare.