La nuova Bibbia politicamente corretta

Numero Nexus #3
Pagina 8
Data di uscita gennaio-febbraio
Anno 1996
Fonte kalivas@aol.com via internet
"Weekly Telegraph", 6-12 Settembre 1995


Il Nuovo Testamento ha subito un importante rifacimento in Settembre, con una nuova traduzione in Inglese che elimina i riferimenti a Dio il Padre, cambiando il Figlio dell'Uomo in "l'umano" e rimuovendo le accuse che gli ebrei uccisero Cristo.
Questa nuova versione politicamente corretta, pubblicata dalla Oxford University Press, afferma che i bambini non dovrebbero "obbedire" ai genitori ma "dar loro retta"; le mogli non sono più "sottomesse" ai loro mariti ma affidate loro; "oscurità" non è più equiparata al male, a causa dei suoi reconditi significati razzisti; e la Preghiera al Signore ora inizia con "Il Nostro Padre-Madre nei cieli".
Riferimenti alla "mano destra di Dio" sono pure spariti, eliminando possibili motivi di imbarazzo per le persone mancine. Ora diventa "La possente Mano di Dio".
The New Testament and Psalms: An Inclusive Version elimina anche tutti i riferimenti all'uccisione di Cristo da parte degli ebrei, il che ne fa la prima traduzione della Bibbia ad affrontare la controversia sull'antisemitismo.
La traduzione fa anche un grande sforzo per ridurre il numero di volte in cui si fa riferimento a Dio come al Signore, perché Signori come gruppi dominanti sono superati.
Anche la parola "schiavi" è stata eliminata, e sostituita da "gente resa schiava", e la frase "il cieco" diventa "persona cieca".
Comunque, gli editori hanno fissato un limite chiamando le persone disabili "differentemente abili".